IL MEDIATORE

shutterstock 94977178

Per mediatore si intende la persona o le persone fisiche che, individualmente o collegialmente, svolgono la mediazione rimanendo prive, in ogni caso, del potere di rendere giudizi o decisioni vincolanti per i destinatari del servizio medesimo.
Compito del mediatore è quello di facilitare la comunicazione e la negoziazione tra le parti in conflitto, assistendole nel raggiungere un accordo, da loro volontariamente scelto.

La procedura di mediazione può essere gestita solo da mediatori inseriti nelle liste degli organismi iscritti nel registro, che abbiano compiuto un apposito percorso formativo offerto da enti di formazione accreditati dal Ministero della giustizia.

 

Requisiti per potersi iscrivere presso un organismo di mediazione:

  • Diploma di laurea almeno triennale ovvero iscrizione ad albo o collegio professionale.
  • Frequenza di un corso per mediatori, presso un ente di formazione iscritto nell’elenco presso tenuto presso il Ministero, con superamento della prova finale.
  • Possesso dei requisiti di onorabilità previsti dalla legge.

Per poter mantenere l’iscrizione è necessario:

  • Frequentare per ogni biennio un corso di aggiornamento di almeno 18 ore presso un ente di formazione per mediatori iscritto nell’elenco tenuto presso il Ministero.
  • Partecipazione, per ogni biennio, in forma di tirocinio assistito ad almeno venti casi di mediazione.

Per la nomina di mediatori è necessario essere in possesso dei requisiti di professionalità previsti dal Regolamento dell’organismo. Infine è possibile nominare dei co-mediatori o dei mediatori ausiliari ove la particolarità della materia lo richieda.

L’ Organismo di mediazione “DC CONCILIA Srl” si avvale dei maggiori organismi di formazione autorizzati a svolgere Corsi per Mediatore Professionale presso le proprie sedi.